Chi siamo | About

Il magazine online che unisce cucina, cultura, ispirazione, emozione

The online magazine that merge kitchen, culture, inspiration, emotion

(See the English version)

Sapere di Gusto è il magazine online fondato da Francesca Avetta e Francesco Cugliari, ideatori dell’evento DEGUSTÈ – DREAM FOOD, dedicato ai Maestri del Gusto, e da Paola Uberti, creatrice di LIBRICETTE.eu, la prima libreria online dedicata agli eBook di cucina.

In puro stile torinese -perché torinesi sono i suoi creatori- Sapere di Gusto è nato in un caffè ormai inscrivibile nel modernariato della città, proprio accanto alla chiesa della Gran Madre, in quel poetico -per alcuni esoterico- punto della città in cui le rotondità della collina degradano con dolcezza e compostezza verso la liquida lucentezza del fiume Po, unendo, quindi, terra e acqua in uno spazio d’aria che si apre, chiaro e ammaliante, sulla Piazza Vittorio.
-E il fuoco?-, vi starete chiedendo.
Il fuoco lo hanno portato in dono gli uni agli altri i fondatori di Sapere di Gusto, accomunati dalla passione e dal desiderio di materializzare -affascinante ossimoro parlando di un magazine online…- in parole e immagini le ispirazioni indotte da ciò che, da operatori della comunicazione e degli eventi relativi a cibo e bevande, vedono, sentono, vivono ogni giorno.

La pubblicazione online del numero zero di Sapere di Gusto, grazie al quale il pubblico potrà conoscere filosofia, mission e taglio editoriale del magazine, è prevista per il mese di settembre 2019.

La redazione, attualmente composta dai fondatori, è al lavoro per creare i primi contenuti del magazine, orientati, come specifica il motto, a unire, fondere, mescolare, cucina, cultura, ispirazione ed emozione, per creare articoli e rubriche che parlino di enogastronomia in modo multi sensoriale, per conoscere i prodotti, i produttori, i territori, le storie e le emozioni che ruotano attorno a un tema tanto attuale quanto ancestrale, con ottica internazionale e con la voglia di osare una comunicazione che vada oltre la sola informazione e metta in gioco sentimenti e interiorità di chi la rivista la crea.

Sapere di Gusto, almeno inizialmente, sarà un “randomestrale” e sarà a diffusione gratuita: –Usciremo con un nuovo numero quando potremo offrire qualcosa che, almeno secondo noi, sarà interessante da leggere, guardare e interiorizzare-, dichiarano Francesca, Francesco e Paola.
Il magazine sarà esclusivamente digitale e vivrà, economicamente parlando, dell’interazione commerciale con le aziende per le quali saranno studiati piani editoriali, articoli e rubriche su misura, con lo scopo di creare un tipo di pubblicità traducibile in visibilità intellettualmente ed emotivamente partecipata.

Sapere di Gusto, quindi, come l’acqua del fiume Po e come la seducente forma delle colline torinesi che, in quanto terra viva seppur silente, non smettono mai di mutare, sarà un magazine vivo che cambierà ad ogni uscita, restando coerente con i suoi principi fondanti: mettere amore in ciò che si fa e condividerlo con il maggior numero di persone possibile, per far incontrare mente, corpo e anima attraverso il cibo, la cucina e i loro protagonisti, dal grande produttore di eccellenza allo sconosciuto vicino di casa che fa un tiramisù che levati di sotto.

E se vi state chiedendo il perché del nome e della grafica del marchio, vi accontentiamo subito.
Il marchio Sapere di Gusto identifica il magazine online omonimo che tratta temi di enogastronomia, cucina, ricette e cultura correlata, attraverso la fusione ispirata tra discipline e ambiti creativi.
La grafica ha la funzione di fondere sobrietà, fruibilità e alto impatto visivo e, conseguentemente, emotivo, così come fanno il cibo buono, prodotto e trattato con devozione, rispetto e responsabilità e la diffusione di contenuti culturali improntata alla trasparenza, alla pluralità di fonti e di destinatari e al coinvolgimento dell’interiorità di chi crea i contenuti stessi.
Il testo è un gioco di parole che rimanda all’importanza della cultura (sapere) enogastronomica (di gusto), per il piacere dell’arricchimento personale e di un’alimentazione consapevole, ma è anche un rimando al fatto che sono gli alimenti e le bevande di alta qualità ad avere un gusto vero, autentico, ben determinato, unico e identificante, ovvero sanno di qualcosa (quante volte ancora ci stupiamo se una fragola sa davvero di fragola e non di acqua?).
Punta di diamante del marchio è il pittogramma rosso rubino che rappresenta schematicamente un ravanello, ma anche una penna stilografica d’antan, a ricordare che il magazine, fondamentalmente, seppur in maniera articolata, fonde cibo e scrittura.

A tutti voi che avete letto la nostra storia, grazie e un augurio quotidiano per una vita ricca di sapere e di gusto.


Sapere di Gusto is the online magazine founded by Francesca Avetta and Francesco Cugliari, creators of the DEGUSTÈ – DREAM FOOD event, dedicated to the Maestri del Gusto (Masters of Taste), and by Paola Uberti, foundress of LIBRICETTE.eu, the first online bookstore dedicated to cooking eBooks .

In pure Turin style -because from Turin are its creators- Sapere di Gusto was born in a cafe that belong to the modern antiques of the city, right next to the Gran Madre di Dio church, in that poetic -for some esoteric- point of the city where the roundness of the hill degrades with sweetness and composure towards the liquid shine of the Po river, joining earth and water in an air space that opens, clear and bewitching, on the Piazza Vittorio Veneto. – And the fire? -, you’re wondering. The fire is the gift that the founders of Sapere di Gusto brought to each other, united by the passion and the desire to materialize – fascinating oxymoron talking about an online magazine … – in words and images, the inspirations induced by what, as operators of communication and events related to food and drink, they see, hear, live every day.

The online issue of the Number Zero of Sapere di Gusto, thanks to which the public will be able to learn about the philosophy, mission, and editorial cut of the magazine, is scheduled for September 2019.

The editorial staff, currently composed of the founders, is working to create the first contents of the magazine, oriented, as the motto specifies, to combine, merge, mix, cuisine, culture, inspiration, and emotion, to create articles and columns that speaks of food and wine in a multi-sensory way, to learn about the products, producers, territories, stories and emotions that revolve around a theme that is as current as it is ancestral, with an international perspective and with the desire to dare a communication that goes beyond simply information and put into play feelings and interiorities of those who create the magazine.

Sapere di Gusto, at least initially, will be a “random issue” and will be for free: –We will publish a new number when we will can offer something that, at least in our opinion, will be interesting to read, to watch and to interiorize-, Francesca, Francesco and Paola declare .
The magazine will be exclusively digital and will live, economically speaking, of commercial interaction with companies, italian and foreign, for which editorial plans, articles and custom-made columns will be studied, with the aim of creating a type of advertising intellectually and emotionally shared.

Sapere di Gusto, therefore, like the water of the Po river and like the seductive shape of the Turin hills that never cease to change, will be a living magazine that will change with each issue, remaining consistent with its founding principles: putting love in it that is done and share it with as many people as possible, to merge together mind, body, and soul through food, cuisine and their protagonists, from the great producer of excellence to the unknown neighbor who makes a tiramisu that make you scream OMG!

And if you’re wondering why the name and graphics of the brand, we’ll immediately satisfy you.
The Sapere di Gusto logo identifies the online magazine of the same name that deals with food and wine, cuisine, recipes, and related culture, through the inspired fusion of disciplines and creative fields.

Graphics is aimed to merge sobriety, usability and high visual impact and, consequently, emotional, as do the good food, produced and treated with devotion, respect and responsibility and the sharing of cultural content marked by transparency, plurality of sources and of recipients, and to the involvement of the interiority of those who create the contents themselves.

The text Sapere di Gusto (litterally Knowledge of taste) is a play on words that refers to the importance of food and wine (gusto – taste) culture (sapere – to know), for the pleasure of personal enrichment and conscious nutrition, but it is also a reference to the fact that only high in quality foods and drinks have a true, authentic, well-defined, unique and identifying taste (gusto); how many times do we still wonder if a strawberry really tastes of strawberry and not of water?

The jewel in the crown of the brand is the ruby red pictogram that schematically represents a radish, but also an old fountain pen, to remember that the magazine, fundamentally, albeit in an articulated manner, blends food and writing.

To all of you who have read our story, thanks and a daily wish for a life rich in knowledge of taste or…Sapere di Gusto!

Francesca Avetta
Francesco Cugliari
Paola Uberti